Lettera aperta ai meridionali

Viviamo un momento di grave crisi che prima e più che essere economica è una crisi etica. La società sembra avere smarrito quei Valori che nei secoli hanno rappresentato la base della gran parte della cultura occidentale e cristiana. Valori quale la giustizia sociale e la solidarietà vengono del tutto ignorati specialmente nella nostra Italia. L’egoismo di alcuni politici con l’indifferenza di altri ha creato un mostro nazionale. Il Mezzogiorno è stato derubato e abbandonato. Giannola, presidente della Svimez, ha affermato che il Sud, dal 2000 al 2019, rispetto alla percentuale di popolazione, ha ricevuto, rispetto alla percentuale di popolazione del Centro-Nord, 840 miliardi di euro in meno.

Alla Gente del Sud non sono stati ancora riconosciuti nemmeno i Diritti di cittadinanza. Pensate che stia esagerando? Purtroppo no infatti per essere cittadini dello stesso Stato non è sufficiente il solo abitare lo stesso Territorio se a questo non si associno le stesse opportunità e una uniforma condizione sociale e economica. Ritenete che i Meridionali abbiamo tutto ciò? Povertà assoluta e relativa tripla rispetto al Nord, reddito pro capite del 50% inferiore, disoccupazione generale, femminile e giovanile del 20% in più, grave carenza di infrastrutture e servizi tale da rendere il nostro Territorio non competitivo per le imprese e di conseguenza una altissima emigrazione Decine di migliaia dei nostri giovani .che sono i nostri figli e i nostri nipoti, sono costretti ogni anno a abbandonare luoghi e persone care nella speranza di un lavoro dignitoso. I nostri politici meridionali invece di sentire l’orgoglio di battersi per la propria Gente e per la propria Terra privilegiano miseri vantaggi personali.Traditi da tutti i partiti politici e dai loro esponenti, i Meridionali non possiamo più affidare a altri la difesa dei nostri sacrosanti diritti ma siamo costretti a difenderli in prima persona.

 E’ per difendere la nostra Dignità e per legittima difesa che abbiamo fatto nascere un movimento meridionalista, IO SUD con Adriana Poli Bortone, con l’unico obiettivo di difendere noi stessi e il futuro dei nostri giovani. Un movimento della società civile che abbandonando le ideologie, ormai tramontate, si prefigga di difendere la nostra Comunità Meridionale in tutte le sue esigenze .Non siamo contro nessuno, tanto meno contro il Nord, siamo contro chiunque ci abbia derubato e pensi di continuare a farlo. Non possiamo tollerare oltre una Italia matrigna ma vogliamo realizzare una vera Unità nazionale fino a oggi inesistente.

 Questo è l’obiettivo di IO SUD attuare un meridionalismo moderno che è una mentalità, è una corrente di pensiero, è amore per la nostra Terra e per la nostra Gente, è rivendicazione dei propri diritti, è battaglia di Dignità, è voglia di pulizia morale e di giustizia sociale, è rifiuto dell’assistenzialismo becero e incivile che offende la dignità umana e vuole rappresentare un modello di sviluppo del Mezzogiorno d’Italia e non solo; infatti il rilancio dell’economia nazionale non si verificherà se non si rilancia il Meridione. E’ sempre esistita un’anima meridionalista, una coscienza di grandi tradizioni e insieme la coscienza di essere stati traditi. Oggi vogliamo solo dare corpo a questa grande anima e lo vogliamo fare con un meridionalismo moderno che pur ricordando i vari soprusi subiti guardi al futuro dei nostri giovani. Aiutando noi aiuterai te stesso e la tua famiglia.

Enzo Maiorana – Movimenti Meridionali Uniti