Innovazione tecnologica. Filo diretto tra Puglia e Miami

Il sistema innovativo made in Puglia approda negli Stati Uniti. Una notizia importante che testimonia quanto il Mezzogiorno sia custode di eccellenze, talenti e imprenditorialità.

Nelle scorse settimane è stato siglato un accordo tra ‘Piccola industria’ di Confindustria Puglia, Politecnico di Bari e Miami Scientific Italian Community, organizzazione no-profit di diritto americano.

Il Politecnico metterà a disposizione un catalogo semplice ed efficace per una rapida consultazione da parte delle imprese americane che consenta loro di razionalizzare i contatti con il mondo della ricerca italiana, individuando i risultati che possano avere applicazioni dirette nel mondo della produzione industriale.

La Puglia si sta rivelando un vero e proprio laboratorio di innovazione grazie alle startup, alle piccole e medie imprese e alle aziende che investono nell’innovazione tecnologica. Iniziative del genere si muovono nella direzione della valorizzazione dei giovani ricercatori attraverso una rete internazionale che metta a disposizione i risultati di ricerca creando sviluppo e conoscenza.

Come è noto la Miami Scientific Italian Community è divenuta, nel corso degli anni, il principale polo aggregatore della vasta comunità scientifica italiana in Florida, unendo le eccellenze e i ricercatori che escono dall’università, con il mondo degli enti di ricerca privati e gli enti di ricerca pubblici, per promuovere, come dichiarato in una nota ,”negli Stai Uniti l’ecositema innovativo della Puglia composto da tante piccole industrie e da una ricerca scientifica di base e applicata, in cui operano sinergicamente attori pubblici e privati d’eccellenza”.

Antonella Cirese