Nove milioni di italiani a rischio povertà energetica

Per povertà energetica si intende l’impossibilità da parte di famiglie o individui di procurarsi un paniere minimo di beni e servizi energetici. Secondo la CGIA- associazione Artigiani e piccole imprese, che ha analizzato i dati del Rapporto Oipe, l’osservatorio italiano sulla povertà energetica, sono almeno 9 milioni gli italiani a rischio povertà energetica.

La CGIA ha definito i dati allarmanti tenendo conto che sono stati calcolati prima dello shock energetico scoppiato in Italia nella seconda metà del 2021. La CGIA rileva che a livello geografico la situazione più critica è nel Mezzogiorno la frequenza della povertà energetica è la più elevata d’Italia ed interessa tra il 24 e il 36% delle famiglie residenti.

Nel Mezzogiorno le regioni più vulnerabili sono Campania, Calabria e Sicilia. Questi aumenti stanno colpendo soprattutto gli artigiani e i commercianti, i piccoli imprenditori e le famiglia con a capo lavoratori autonomi.

Il Decreto bollette approvato dal governo sembra non essere sufficiente per far fronte alla crisi energetica in corso ma sono necessari ulteriori interventi da parte del Governo a sostegno del pagamento delle bollette nonchè accelerare la transizione energetica a vantaggio dell’energia verde.

Antonella Cirese