Malanni di stagione: come alzare le difese immunitarie

Attraverso gli alimenti possiamo dare forza al nostro scudo naturale e tenere alla larga raffreddore, tosse, mal di gola che si presentano con i primi freddi. E’ bene quindi rafforzare le difese nei confronti di agenti patogeni che provocano infezioni. Infatti quando il sistema immunitario indebolito da fattori come cambio di stagione, stress, scarso riposo notturno, abuso di antibiotici, dieta non equilibrata ed età che avanza, allora possono manifestarsi infiammazioni o malattie autoimmuni., causate da una alterazione al suo funzionamento.

Bisogna puntare su sostanze antiossidanti, che combattono l’azione dei radicali liberi. Si tratta di molecole prodotte da fenomeni come inquinamento e tabacco che sono causa di stress ossidativo, con i conseguenti danni alle cellule del corpo. Dall’altra parte invece bisognerebbe mantenere in salute il microbiota intestinale, per intenderci i batteri buoni che si sviluppano nell’intestino e che sono responsanili del benessere del sistema immunitario. L’alimentazione perciò deve essere ricca di vitamina C che presente negli agrumi, nell’ananas e nella frutta che contiene anche il selenio, minerale importante per proteggerci da malanni stagionali. Non deve mancare la vitamina A contenuta in verdure a foglia larga come cavoli verze e spinaci, ma anche nelle carote, nella zucca e nei peperoni. Sulla tavola dobbiamo portare gli omega 3 attraverso tonno, salmone, sgombro e pesce azzurro, e semi oleosi capaci di supportare le funzioni cerebrali. In ceci, fagioli, lenticchie e frutti di mare troviamo lo zinco e la vitamina B12. I ricercatori consigliano di usare l’aglio che ha azione anti-microbica. Consigliano inoltre di deliziare il palato con 25 -30 grammi di cioccolato fondente che aiuta a liberare endorfine, gli ormoni della felicità, utili anche per sostenere il fisico.

Si consiglia anche l’assunzione di yogurt che protegge e nutre il microbiota. Non va sottovalutato nemmeno cosa beviamo. Largo al t verde antiossidante, ricco di polifenoli antiossidanti. Gli esperti consigliano di bere almeno due litri di acqua al giorno. Da limitare il consumo di alcool che provoca infiammazione. Solo in caso di carenze alimentari ricorrere ad integratori come la vitamina D, spesso carente nei mesi invernali; la lattoferina proteina multifunzionale; il propoli che rafforza il sistema immunitario, l’echinacea che stimola l’organismo a produrre anticorpi e la luteina che possiede qualità antiffiammatorie.

Paola Copertino