L’albero di Natale presente in nove case su dieci

L’albero di Natale resta una tradizione fortemente radicata tra gli italiani. Tra dicembre e gennaio, ma c’è chi si spinge anche oltre, è presente, in ogni forma e foggia, in quasi nove famiglie su dieci.

Sulla base di una indagine condotta da Coldiretti/Ixe’ l’albero naturale verrà scelto quest’anno da quasi 3 milioni di famiglie anche se la maggioranza del 63% degli italiani ricicla l’albero sintetico recuperato dalla cantina, cosa assai intelligente se non si ha la possibilità di piantare, dopo le feste, l’albero vero, e una minoranza lo compra nuovo.

La spesa media degli italiani per l’albero vero è quest’anno di 40 euro anche se c’è chi spenderà fino a 100 euro, e chi andrà addirittura oltre. I prezzi variano a seconda dell’altezza e delle varietà con gli abeti più piccoli che – precisa la Coldiretti – non superano il metro e mezzo venduti tra i 10 e i 60 euro a seconda della misura, della presenza delle radici ed eventualmente del vaso, mentre per le piante di taglia oltre i due metri il prezzo sale anche a 200 euro per varietà particolari.

Da segnalare quest’anno l’arrivo della possibilità di noleggiare alberi veri promossa da Coldiretti e Campagna Amica in Toscana in provincia di Pistoia. L’obiettivo è quello di andare incontro alle difficoltà di gestione di un abete vero per molte famiglie che hanno poco spazio in casa o nessun giardino per ospitarlo, offrendo la possibilità di riportare l’esemplare acquistato al vivaio che lo terrà in custodia fino al prossimo Natale grazie all’impiego di speciali vasi che tramite dei fori permettono alle radici di crescere una volta ripiantati. Gli alberi, una volta spogliati degli addobbi, potranno essere così riconsegnati ottenendo indietro la metà del prezzo pagato. Quando l’abete sarà troppo grande per essere ospitato in casa sarà restituito al bosco, il suo habitat naturale.