Una banca del sangue da non vaccinati

In Svizzera è operativa una banca del sangue che tratta sangue di non vaccinati. Notizia non proveniente da pericolosi siti complottisti ma dal mainstream mediatico. Naturalmente si tratta di notizia solo sussurrata sui media, ma il fatto è vero.
Se qualche medico o paziente non si fida di utilizzare sangue di vaccinati può chiedere e ottenere sangue non interessato dal siero e curarsi secondo il proprio pensiero. II mondo dei recalcitranti alla obbedienza planetaria al dogma vaccinale non solo è vivo e vitale ma si sta adattando alla nuova situazione. Qualcuno potrebbe chiedersi come mai in Svizzera e non in Italia? Il malato italiano ha diritto alle trasfusioni che ritiene assieme al suo medico gli facciano bene? Certamente è un grave limite culturale delle nostre Istituzioni non essere liberali; ed è un limite che è enorme e che ritroviamo anche in economia con il risultato che lì sono ricchi mentre qui no. Illiberalità che non è solo italiana e quindi quella banca ha avuto bisogno di essere operativa praticamente in tutto il mondo.
Safe Blood Donation (è il nome della società che gestisce questa clinica) cerca di lavorare negli Stati Uniti da qualche settimana. Comincia ad incontrare difficoltà ad ufficializzarsi perché le fonti “ufficiali”, inclusa la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, insistono sul fatto che non c’è differenza tra sangue vaccinato e non vaccinato. Infatti attualmente, le banche centrali del sangue (come anche la Croce Rossa) non separano il sangue in base allo stato di vaccinazione. Da ricordare che in passato il sangue spesso non era controllato come lo è oggi e sono stati numerosissimi i casi avvenuti a cavallo tra gli anni 70 e 80 quando in Italia centinaia di sacche di sangue infetto sono state usate all’interno degli ospedali con gravi ripercussioni sui pazienti.
Come funziona la Safe Blood Donation? se hai bisogno di sangue puoi averlo anche se sei vaccinato e se vuoi donarlo puoi farlo ovviamente solo se sei vaccinato. Quindi i tanti pentiti di essersi sottoposti a questa vaccinazione possono pensare di profittare del bisogno di trasfusione per provare a utilizzare quel sangue e non quello che vaccinato.
C’è da augurarsi che i nostri ospedali si attrezzino se non nella stessa maniera almeno a procurarsi dalla Svizzera il sangue non vaccinato necessario.
È un esempio di come la libertà sia un bene indisponibile e quindi anche se esce dalla porta rientra dalla finestra.
Canio Trione