Green Jobs. I lavori i che sostengono l’economia verde

L’Italia è leader nell’economia circolare ed è chiamata ad avere un ruolo da protagonista nella transizione verde. Questo sulla base di quanto emerso dal 13° Rapporto GreenItaly, realizzato dalla Fondazione Symbola e da Unioncamere, con la collaborazione del Centro Studi Tagliacarne.

Secondo il rapporto i settori produttivi con sostenibilità ed economia circolare, che si consolidano come fulcro degli obiettivi strategici delle aziende, vanno dalla filiera agroalimentare, al settore edilizio, al settore della meccanica, al settore della chimica bio-based che amplia i campi di applicazione e si estende all’agricoltura, alla cosmesi ai carburanti all’arredo, inoltre molto interessante il processo di sostituzione della chimica tradizionale a favore dei processi chrone-free/metal-free nel settore conciario.

In questo quadro, dove l’attore protagonista è la Green Economy, rivestono un ruolo fondamentale i Green Jobs.

I Green Jobs sono i lavori che sostengono l’economia verde in quanto le loro mansioni mirano a preservare, tutelare e ripristinare l’ambiente sia in settori tradizionali come la produzione e l’edilizia, sia in nuovi settori verdi emergenti come le energie rinnovabili, il ripristino ambientale e l’efficienza energetica.

I Green Jobs sono le professioni dello sviluppo sostenibile della società in quanto con le loro competenze aiutano a migliorare l’efficienza energetica e l’utilizzo delle materie prime, a limitare le emissioni di gas serra, ridurre al minimo gli sprechi e l’inquinamento, a proteggere e ripristinare gli ecosistemi naturali.

Da Sud a Nord del paese il futuro è green e gli investimenti da parte delle istituzioni e delle aziende devono sempre più rivolgersi ad incentivare la formazione professionale verde dei giovani per consolidare un modello economico rispettoso dell’ambiente e dell’uomo e che sappia ben coniugare sostenibilità e remunerazione.

Antonella Cirese