Nuove esperienze ospitali. Il progetto che ripopola Gagliano Aterno

L’obiettivo di Neo, progetto nato a marzo 2021 dalla collaborazione tra il comune di Gagliano Aterno e l’Università della Valle d’Aosta, è ripopolare e creare movimento e opportunità di lavoro a Gagliano Aterno, comune che, attualmente, conta 254 residenti effettivi.

Gagliano Aterno è un piccolo borgo (in provincia dell’Aquila) dell’Appennino abruzzese che sorge in valle Subequana all’interno del Parco regionale Sirente Velino, noto per avere il primato di soffrire del tasso di decremento demografico e l’indice di invecchiamento più alti dell’Abruzzo.

Da questa constatazione è nata l’iniziativa di attuare un percorso formativo per stimolare ad abitare in montagna attraverso la Scuola immersiva di attivazione di comunità e transizione ecologica per formare figure professionali capaci di ingaggiare, accompagnare, attivare e supportare le comunita locali.

La formazione avviene con l’accoglienza di giovani che hanno il disiderio di scoprire ed abitare la montagna attraverso pratiche immersive, abitando il paese, partecipando alle attività creative, all’assemblea della comunità energetica, alla scoperta del territorio e del patrimonio immateriale, all’ascolto degli abitanti, al coinvolgimento dei ragazzi della valle. Il tutto alternato con seminari e workshop tenuti da professionalità afferenti al mondo accademico e privato.

La prima edizione del progetto si è appena conclusa e delle sei persone che erano state selezionate per abitare gratuitamente a Gagliano 6 vi sono rimaste. Un risultato positivo che stimola a migliorare e proseguire il progetto tanto che in cantiere c’è già il secondo bando previsto a febbraio di quest’anno.

Antonella Cirese