La Guardia Zoofila, un convegno a Trani

“La Guardia Zoofila – ruolo e funzioni” è il titolo del convegno organizzato dalle Guardie per l’Ambiente, dirette da Pasquale Laterza, che si terrà a Trani mercoledì 14 giugno presso la Biblioteca “Giovani Bovio” sita in Piazzetta San Francesco (ore 15.30 – 18.30). All’evento, al quale hanno aderito anche la LAV, la LIPU e L’OIPA, parteciperanno Ciro Troiano, criminologo, responsabile Osservatorio Nazionale Zoomafia LAV e autore del manuale tecnico “La Guardia Zoofila”, e il dottor Roberto Pellicone, Questore di B.A.T.

L’evento nasce dalla necessità di confrontarsi sul ruolo e le funzioni delle Guardie Zoofile, figure centrali per la tutela degli animali nel nostro Paese, ma il cui ruolo risulta ancora troppo sconosciuto e, soprattutto, sminuito da burocrazia e procedure amministrative miopi limitanti. 

Ma chi è la Guardia Zoofila? La normativa in vigore consente alle associazioni protezionistiche e zoofile riconosciute di chiedere al Prefetto, dopo un apposito corso di formazione, il rilascio del decreto di nomina a Guardie Particolari Giurate per propri iscritti. Si tratta di volontari addetti alla vigilanza zoofila, ovvero alla prevenzione e repressione dei reati a danno di animali, con riguardo agli animali d’affezione, che nell’esercizio delle loro funzioni sono pubblici ufficiali e svolgono funzioni di polizia giudiziaria.

In pratica la guardia zoofila, quando accerta, ad esempio, una condizione in atto di maltrattamento animale, ha il dovere/potere di esercitare le funzioni tipiche della polizia giudiziaria quali, identificare e denunciare l’autore, impedire che il reato venga portato a conseguenze ulteriori, attraverso il sequestro dell’animale o del corpo del reato, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova, fare rilievi, foto ecc. Oltre alla tutela penale, la guardia zoofila ha anche funzioni di polizia amministrativa, quindi può elevare sanzioni amministrative, ad esempio, per mancanza di microchip in un cane.

Una funzione “pubblica”, quindi, quelle delle Guardie Zoofile, ruolo “pubblicistico”, spesso misconosciuto ma che in realtà riguarda funzioni che comportano l’esercizio di delicati uffici che, se non eseguiti correttamente, o peggio, se violati, oltre a esporre la Guardia a una severa e giusta censura penale, gettano un velo di incredibilità su tutto il mondo associativo animalista e/o ambientalista.

La legge affida funzioni delicatissime ai volontari delle associazioni nominati guardie particolari giurate; funzioni che richiedono una conoscenza attenta e scrupolosa dei compiti e delle mansioni e una professionalità competente ed efficace.

Di questo e di altro ancora si parlerà mercoledì prossimo nel corso dell’evento.