Violenza economica. E’ emergenza

La violenza economica è una forma di abuso che colpisce in particolare le donne alle quali il partner impedisce di avere una propria autonomia finanziaria attraverso il controllo delle loro risorse, ostacolando una loro cultura finanziaria sino a vietarne lo svolgimento di un lavoro che non sia quello domestico.
La violenza economica è una forma di violenza subdola e silenziosa che mira ad una emarginazione sociale e ad una condizione di dipendenza delle donne.

Un’indagine realizzata da mUp Research e Norstat per Facile.it, condotta su un campione rappresentativo della popolazione femminile nazionale, evidenzia che sono circa 20.000 le donne vittime di violenza economica. Dalla lettura dei dati emerge che due italiane su tre (67,3%) si sentono poco o per nulla preparate sui temi della finanza personale e sebbene 1,4 milioni di donne abbiano dichiarato di voler colmare questa lacuna, non sempre è possibile, tenendo conto che circa 20.000 donne hanno risposto che non riescono a colmare le proprie lacune a causa del partner.

Una buona educazione finanziaria è uno strumento idoneo per tutelare le donna dalla violenza economica ed in questo senso si muove “Monetine”, la piattaforma di strumenti di educazione finanziaria che hanno l’obiettivo di impedire la violenza di genere e favorire l’empowerment delle donne a rischio, realizzata da Glocal Impact Network grazie a un bando di Fondazione Finanza Etica che ha fornito 50mila euro nell’ambito del programma di erogazioni liberali di Etica Sgr, società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Etica.

 

Antonella Cirese