Il rallentamento economico non mina la salute del “bel paese”

L’Italia, in base alle previsioni di Confcommercio, nonostante il rallentamento economico, è un paese che gode buona salute. Almeno sulla base delle risultanze dell’estate 2023 che si è chiusa con un bilancio positivo grazie ad agosto e settembre che sono stati il bimestre migliore di tutti i tempi per presenze turistiche inoltre a questo dato ottimale si aggiungono la produzione industriale che ha smesso di calare, la crescita dell’occupazione, il taglio del cuneo fiscale e contributivo ed il rallentare dell’inflazione.

La ventata di ottimismo è legata anche alla riduzione dei costi energetici il cui onere ha appesantito le famiglie e alle tredicesime previste in aumento di circa 50miliardi di euro e che consentiranno di sdoganare i consumi per 1.882 euro a famiglia, 284 euro in più rispetto all’anno scorso ma ancora al di sotto dei 1.936 euro del 2019, prima del Covid.

Entrando nel dettaglio dell’indagine, viene stimato che per il Natale 2023 43 milioni di persone faranno regali con una spesa media di 186 euro a testa, in crescita dai 165 euro dello scorso anno in termini reali, al netto dell’inflazione.

Antonella Cirese