Attiva la piattaforma per l’assegno di inclusione

La piattaforma per la presentazione dell’assegno di inclusione (Adi) è stata attivata. I richiedenti possono presentare la domanda per l’Adi e se l’istruttoria avrà esito positivo usufruiranno del beneficio economico dal mese successivo alla sottoscrizione del patto di attivazione digitale (Pad) inoltre l’Inps ha spiegato che in fase di prima applicazione, per le sole domande complete della sottoscrizione del Pad e presentate entro gennaio 2024 la decorrenza del beneficio sarà riconosciuta dallo stesso mese.

Nella fase iniziale la domanda si può presentare nella sezione dedicata del sito Inps utilizzando SPID, CNS e CIE oppure rivolgendosi a un Patronato ma a partire dal 1° gennaio 2024 le domande potranno essere inoltrate anche attraverso i CAF.

L’assegno di inclusione è la nuova misura di inclusione sociale e lavorativa a favore delle famiglie con fragilità, nuclei familiari con almeno una persona disabile, minori, over 60 o soggetti in condizioni di svantaggio inseriti in programmi di cura e assistenza dei servizi socio sanitari certificati che prende il posto del reddito di cittadinanza.

La durata dell’assegno di inclusione è di 18 mesi con un fermo di 1 mese e possibili rinnovi per ulteriori 12 mesi sempre con 1 mese di fermo.

 Antonella Cirese