Al via i saldi 2024. I consigli di Adiconsum

Anche il 2024 si è aperto con l’inizio dei saldi che vedono l’avvio per tutte le regioni venerdì 5 gennaio, ad eccezione della Valle d’Aosta dove sono cominciati mercoledì 3 gennaio. Di seguito una sintesi di Adiconsum dei diritti dei consumatori e i doveri dei commercianti per le vendite nel periodo dei saldi.

Doveri del commerciante

A partire dal 1° luglio, il negoziante dovrà indicare la percentuale di sconto, il prezzo finale, ma anche il prezzo più basso applicato all’articolo nei 30 giorni precedenti, in virtù  il “Decreto Omnibus” in realtà è il Decreto legislativo di recepimento della Direttiva europea 2019/2161. In caso di inottemperanza, è prevista una sanzione dai 516 ai 3.098 euro.

Consigli Adiconsum sui saldi

Per far sì che i saldi risultino dei buoni affari, ecco alcuni suggerimenti pratici di Adiconsum:

  • verificare i prezzi almeno una settimana prima dell’inizio ufficiale dei saldi
  • controllare che il cartellino del prezzo riporti percentuale di sconto, prezzo finale e prezzo dei 30 giorni precedenti
  • diffidare degli sconti esagerati
  • controllare che il capo in vetrina che si vuole acquistare sia lo stesso che è all’interno del negozio
  • fare attenzione ai capi a prezzo pieno che potrebbero trovarsi insieme a quelli in saldo.

Da ricordare

  • La prova dei capi è a discrezione del commerciante. Pertanto, se il negoziante non lo consente, non acquistare il prodotto se non sei convinto al 100%
  • Anche il cambio del prodotto è a discrezione del commerciante, a meno che non si tratti di un capo difettoso: in questo caso, infatti, il venditore è tenuto ad effettuare il cambio per legge, mentre il consumatore ha tempo due mesi per segnalarlo.
  • L’esercente è tenuto ad accettare le carte di pagamento.
  • In caso di comportamenti scorretti, rivolgersi alla Polizia Municipale e segnalare l’accaduto alla sede territoriale Adiconsum più vicina.