Salerno esempio di riqualificazione urbana

Il centro storico di Salerno è un esempio di riqualificazione urbana che ancora una volta parte dal sud. Il centro storico della città campana ha rivitalizzato e riaperto al pubblico una chiesa del 500, dismessa dopo il terremoto degli anni 80, la “Chiesa dei Morticelli”, il cui nome reale è San Sebastiano del Monte dei Morti.

La chiesa da luogo storico abbandonato ed in decadenza si è trasformato in un hub culturale aperto alla comunità con una portineria di quartiere e una caffetteria sociale.

Il progetto “i Morticelli” fa parte dei vari progetti di riqualificazione urbana avviati da BLAM, collettivo formato da architette a Salerno ed ha vinto l’avviso pubblico Creative Living Lab IV edizione promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Si tratta di progetti che a cura del collettivo BLAM rientrano nel più ampio progetto habitat e che hanno l’obiettivo di rigenerare edifici degradati e riconsegnarli al territorio nell’ottica di una riconversione urbana e sociale anche in chiave sostenibile e green.

Un esempio di rigenerazione e di riappropriazione da parte della comunità di spazi pubblici con la sinergia anche delle Istituzioni.

Antonella Cirese