Il “profumo” dei libri sconfigge la crisi

Il mercato del libro non è in crisi ma resiste. E’ quanto emerge dall’analisi condotta da’Associazione Italiana Editori (AIE), in collaborazione con Nielsen BookScan e IE Informazioni Editoriali.

I dati evidenziano che in Italia le vendite dell’editoria trade ha avuto un incremento dello 0,8% in valore, con un fatturato di 1,7 miliardi mentre c’è stata una lieve flessione delle copie: quasi 112 milioni (-0,7%) quelle vendute. Dati che rifuardano i libri a stampa di narrativa e saggistica, compresi i titoli per bambini e ragazzi, ed esclusi i testi scolastici comprati nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione.

L’indagine rivela altre notizie positive riguardanti il prezzo dei libri, che aumenta meno dell’inflazione, in quanto nel 2023 il prezzo medio di copertina dei libri comprati è stato di 15,17 euro, in crescita dell’1,5% rispetto l’anno precedente.

L’indagine evidenzia che, nonostante la crescita dell’uso dell’ebook e dell’audiolibro, gli italiani preferiscono il libro cartaceo.

Antonella Cirese