Banca etica: 25 anni di importanti risultati

A 25 anni dalla nascita è ancora l’unico istituito di credito etico in Italia che in questi anni, grazie alla finanza etica, ha capitalizzato il risparmio a sostegno di interessi sociali e tutelando gli ecosistemi.

Banca etica ha visto crescere, durante la sua attività basata sul essere popolare e cooperativa senza azionisti di riferimento, la sua solidità patrimoniale ed è in grado di garantire il diritto di credito a famiglie e imprese che altrimenti sarebbero escluse dal sistema creditizio tradizionale. Da sottolineare è che fra le famiglie finanziariamente escluse, il 78,2% vive nel Mezzogiorno.

Bene comune, tutela degli ecosistemi, difesa della pace ma non solo, infatti tra i fini perseguiti dall’Istituito, troviamo anche la parità di genere e la promozione dell’imprenditoria femminile in quanto i dati dello Studio “Azionisti del bene comune” rilevano che il 44% dei prestiti personali è concesso a favore di donne e che il 25% delle organizzazioni finanziate nel 2022 è costituito da imprese femminili. Banca etica è nata grazie alla spinta di imprese, associazioni, organizzazioni con desiderio di investire non per il massimo profitto ma per generare valore economico e sociale rispettando il bene comune. E la finanza etica mostra di essere risorsa per un’economia più sostenibile e attenta alla comunità.

Antonella Cirese