Bonus psicologico: ci guadagnano tutti

Il bonus psicologico ha centrato in pieno l’obiettivo di rendere accessibile a tutti per la prima volta l’accesso al sostegno psicologico a cui parecchi rinunciavano per motivi economici.

I dati del progetto PsyCare, realizzato dal Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi (Cnop) in collaborazione con alcune università (Milano Bicocca, Bergamo, Catania, Palermo, Pavia e La Sapienza di Roma) rilevano che tra i nuovi pazienti, quattro su cinque (81%) non erano mai andati da un terapeuta nella vita prevalentemente per ragioni economiche e che Il 72% di chi ha ottenuto il bonus non era in cura al momento della richiesta.

Il progetto mette in evidenza risultati che sono motivo di soddisfazione per terapeuti e pazienti in quanto testimoniano che l’intervento ha portato a una notevole diminuzione dei sintomi di ansia e depressione, con ripercussioni positive nella sfera personale e lavorativa che persistono anche a sei mesi dal termine della terapia. Inoltre non è da trascurare come il benessere psicologico della comunità si traduca anche in un risparmio per il servizio sanitario.

Dati incoraggianti che spronano a promuovere in modo strutturale e duraturo lo strumento del bonus psicologico per la cura e la salvaguardia della salute mentale come ben comune.

Antonella Cirese