Ebraismo e Islam. Se ne parla all’UniSalento

L’Isufi – Istituto superiore universitario di formazione interdisciplinare dell’Università del Salento, organizza, nell’ambito delle sue attività di didattica, un momento di riflessione pubblica sui contatti storici e religiosi fra ebraismo e islam, che si articolerà in due seminari.

“Tra ebraismo e islam: profezia, esegesi, messianismo” è il tema del seminario in programma giovedì 2 maggio alle 18:30, ospitato nell’Auditorium del Museo Sigismondo Castromediano, viale Gallipoli 31, Lecce.

Di rilievo la personalità coinvolte.

I lavori, che vedranno nel ruolo di relatrice  la filosofa e scrittrice Laura Boella, già ordinaria di Filosofia Morale e di Etica dell’ambiente, Dipartimento di Filosofia dell’Università Statale di Milano, nota in ambito nazionale e internazionale per le sue riflessioni sul tema delle relazioni intersoggettive, dell’empatia e della simpatia e l’attento lavoro sul pensiero femminile del Novecento, si apriranno con i saluti istituzionali e le introduzioni di Fabio Pollice, Rettore Università del Salento,  Salvatore Rizzello, Direttore della Scuola Superiore Isufi Università del Salento e Samuela Pagani, docente di Lingua e letteratura araba, Consiglio Didattico Isufi, per entrare subito dopo nel vivo del tema con gli interventi di Meir M. Bar-Asher, Hebrew University di Gerusalemme, su “Gli studi coranici nella scienza dell’ebraismo e nella tradizione accademica israeliana”; Mohammad Ali Amir-Moezzi, Ecole pratique des hautes études, Parigi, su “Le origini dell’islam: pluralità di voci e di contesti”; Michael Ebstein, Hebrew University di Gerusalemme, su “L’altro nella mistica andalusa”.

La proposta di questo seminario nasce dall’esigenza di combinare la formazione alla ricerca degli studenti ISUFI con una divulgazione scientifica di alto livello su tematiche di interesse pubblico e risponde alla necessità di presentare e fare il punto sullo stato attuale degli studi sui contatti storici e religiosi fra ebraismo e islam nel periodo premoderno attraverso gli interventi di alcuni dei massimi esperti internazionali di questo rinnovato filone di ricerca.

Paola Copertino