Reggio Calabria e l’arte del riciclaggio

Reggio Calabria da qualche anno è divenuta luogo dove si pratica, con dedizione ed ingegno, l’arte del riciclaggio.

Tutto questo grazie a Fare eco, associazione culturale calabrese per l’ambiente, nata nel capoluogo calabro nel 2020 con l’intento di combattere il consumismo e la cattiva abitudine dello scarto mediante l’arte del riciclo e del riuso ridando così vita ad oggetti destinati ad aumentare la mole dei rifiuti.

La Calabria non dispone di impianti sufficienti di gestione dei rifiuti per cui l’associazione diffonde a monte, attraverso un’adeguata campagna di comunicazione, la cultura della prevenzione e riduzione dei rifiuti a cui si aggiungono una serie di iniziative concrete per il riuso del rifiuto con attività che coinvolgono cittadini e artigiani quali il caffè delle riparazioni, laboratori, workshop, incontri di scambio gratuito di oggetti a cui ultimamente si è aggiunta l’iniziativa Rete del riuso con l’obiettivo di creare una rete capillare con le altre città ed associazioni coinvolte nell’arte del riciclo e riuso in modo da realizzare una filiera dell’uso dei rifiuti.

Un progetto sostenibile che parte con successo e perizia dal sud e destinato a crescere con risultati positivi infatti “fare eco” ha partecipato nel 2023 alla Settimana europea contro gli sprechi e per la riduzione dei rifiuti classificandosi seconda alle finali europee.

Antonella Cirese