Viva i granchi vivi e liberi: il mare è la loro casa

“Abbiamo salvato la vita di un granchio, in pratica!” Così uno dei ragazzi che ha partecipato ad una delle precedenti edizioni della campagna “Il mare è la loro casa” pensata dalla LAV per sensibilizzare bambini e bambine, ma soprattutto le loro famiglie, a rispettare tutti gli animali del mare e che ha ottenuto il patrocinio del Ministero dell’ambiente e del Ministero dei Trasporti e il logo del Ministero dell’Istruzione e della Guardia Costiera.

“Il mare è la loro casa” prevede una serie di festose e allegre incursioni di bambini sulle spiagge italiane. L’intento è quello di diffondere la cultura del rispetto degli animali del mare, anche dei più piccoli, tra i bambini, le bambine e le loro famiglie. Granchi, pesciolini, meduse, paguri e molluschi sono fra gli animali che più spesso vengono catturati o tenuti nei secchielli sulle spiagge. Ma anche scarabei, piccoli rettili e insetti che popolano le dune sono spesso oggetto di gioco.

Per questo saremo sulle spiagge per parlare a bambini e bambine e alle loro famiglie e far capire che catturare animali e tenerli prigionieri, anche per poco tempo, può avere su di loro conseguenze molto gravi – dichiara Giacomo Bottinelli, responsabile Ufficio A Scuola con LAV – Quello che per noi è un semplice divertimento, per gli animali può essere molto pericoloso e persino mortale”.

Prossima tappa a Messina, venerdì 28 giugno.

Quest’anno la LAV ha realizzato anche un gioco a quiz che i bambini potranno trovare scansionando il QR Code presente sui materiali della campagna: rispondendo ad alcune domande sugli animali marini, libereranno i granchietti dal secchiello in cui sono prigionieri. 

 Direi che tutte le forme di vita hanno le loro emozioni”, così una bambina che ha partecipato ad una delle tappe del tour.

Di seguito, le tappe previste sul litorale italiano in alcune località in prossimità della costa:

        Messina (28 giugno) – Lido Royal Beach

        Maccarese (RM) (29 giugno) – Bau Beach Village

        Briatico (VV) (30 giugno) – Spiaggia della Torretta 

        Donnalucata (fraz. di Scicli – PA) (2 luglio) – Spiaggia di Micenci

        Mondello-Addaura (PA) (4 luglio) – Lido Trinacria

        Isola delle Femmine (PA) (6 luglio) – Sun Life Beach

        Marina di Grosseto (GR) (6 luglio) – Bagno Moderno

        Pizzo Calabro (VV) (7 luglio) – Lungomare della Marina di Pizzo 

        Sciacca (AG) (7 luglio) – Mojito beach – Contrada Foggia 

        Marina di Pietrasanta (LU) (13 luglio) – Bagnomaria 

        Bari (14 luglio) – Spiaggia Pane e Pomodoro 

        Pescara (19 Luglio) – Stabilimento Oriente

        Bova Marina (RC) (20 luglio) – Lungomare

        Bova Marina (RC) (21 luglio) – Spiaggia della Loc. S.Pasquale

Ulteriori tappe e orari sono in via di definizione. 

Quanta sofferenza in un secchiello diventato prima prigione e poi tomba per tanti esseri viventi, nella totale indifferenza generale. Ma se ci riflettiamo non è poi così difficile da comprendere che l’indifferenza è ciò che rende possibili le azioni più indicibili. È la migliore alleata di ogni tirannia, l’ancella di ogni sopruso, serva silenziosa di ogni potere. Assistendo impassibili, indifferenti, alla sofferenza altrui, la si legittima, la si rende accettabile, “normale”. La normalità è l’accettazione sociale di determinate condotte, vissute “normalmente” appunto, come fatti che rientrano senza clamore nel vissuto quotidiano, nel bilancio della propria esistenza. Il concetto di normalità è stabilito sempre dal dominatore, mai dal dominato. È normale, sono animali.

Ciro Troiano